lunedì 18 marzo 2013

Recensione: "L'accademia dei Vampiri" di Richelle Mead

Ciao a tutti readers!

Sono qui a scrivere questa favolosa opinione sul romanzo che mi sono sempre rifiutata di leggere ma che alla fine è stata una scelta molto azzeccata e ringrazio tantissimo Denise di Reading is Believing per aver dato a tutti noi la possibilità di leggere in compagnia questo romanzo!!

Titolo: L'accademia dei Vampiri
Titolo originale: Vampire academy
Autrice: Richelle Mead
Casa Editrice: Rizzoli

TRAMA
Lissa Dragomir, principessa Moroi, vampiro mortale, dev'essere protetta a tempo pieno dalle minacce degli Strigoi, i vampiri più pericolosi, quelli che non muoiono mai. La sua migliore amica e custode, Rose, è una Dhampir, un incrocio fra vampiro e umano. Rose e Lissa, dopo due anni di fuga dal loro mondo per assaggiare un po' di realtà, vengono intercettate e riportate a St. Vladimir's, l'Accademia dei Vampiri in cui studiano. Quando ci riescono: perché tra balli e innamoramenti, flirt con i più anziani, fascinosi tutor e conflitti sempre aperti con gli insidiosi Strigoi hanno pochissimo tempo per pensare ai libri. 

RECENSIONE


Come sapete dal intro del post ho deciso di leggere questo libro partecipando al "Gruppo di Lettura di Vampire Accademy" organizzata da Denise. E se non avessi partecipato avrei perso un libro veramente ma veramente bello. 
Questo romanzo mi aveva sempre attirato/allontanato, la copertina non mi piace, non mi ispirava e quindi non avevo mai preso iniziativa a riguardo, nel contempo lo avevo tra i libri che volevo leggere...quindi la GdL di Deni veniva proprio in mio aiuto! 
All'inizio sono riuscita a fermarmi e rispettare le tappe della GdL ma poi la storia mi ha preso talmente che ho chiesto a Denise se potevo andare tranquillamente avanti e meno male...ero troppo curiosa! e quindi ho concluso le avventure di Rose e Lissa prima della fine della GdL.

L'Accademia dei vampiri è un romanzo urban fantasy, con tanta avventura, colpi di scena, un pizzico di romance e tanto misterioso e affascinante folklore russo.
Lo stile della Mead fin dall'inizio riesce a trascinare nel ritmo incalzante delle vicende, i particolari della storia vengono svelati un po' alla volta con maestria e grande precisione. 
Dhampir, Moroi, Strigoi, ogni razza esistente nel romanzo viene delineata, dipinta con tratti precisi e netti indicandone pregi e difetti, vantaggi e svantaggi. Le domanda irrisolte sono solo quelle che servono alla continuazione del romanzo, per il resto la Mead risponde a tutte le nostre curiosità in questo primo romanzo, presentandoci un quadro completo e esauriente della situazione. 

Ambientato in un palazzo nascosto nell'Indiana, circondato dalle montagne e dalla natura, una novella Hogwarts per Moroi e Dhampir, mezzi umani e mezzi vampiri,  dove questi ultimi imparano a potenziarsi  per difendere gli esponenti delle famiglie reali della razza dei Moroi, invece questi vengono addestrati nelle arti magiche, quelle elementali, specializzandosi in uno dei quattro (o cinque?) elementi.
Rose e Lissa, rispettivamente Dhampir e Moroi di stirpe reale, sono migliori amiche. La storia si incentra principalmente su di loro e le vede all'inizio del romanzo al di fuori dell'accademia, libere ma anche in costante pericolo per un possibile attacco degli Strigoi. Libertà e pericolo che hanno però una vita breve, visto il loro repentino ritorno all'accademia, protetti da un nugolo di Guardiani (dhampir diplomati a cui è assegnato il compito di proteggere i Moroi).
Non vi racconto oltre perchè vorrei che lo leggeste quindi evito di fare spoiler...MAI fare spoiler, quindi passerei ad altri aspetti del romanzo. 

Caratterizzazione e narrazione si combinano piacevolmente delineando un romanzo urban fantasy con i fiocchi. Personaggi interessantissimi, ben delineati vivono vicende e e avventure adrenaliniche, che ti tengono incollata/o con lo sguardo e con la mente al romanzo, divorando pagina dopo pagina tutta la storia, scritta benissimo, con uno stile scorrevole, fluido e bilanciato, dove parti descrittive e parlato si alternano raggiungendo un climax impareggiabile e assolutamente incredibile che vi porterà all'apice dell'adrenalina per poi trascinarvi verso la fine del romanzo dove le sorprese non sono finite, ma ovviamente non vi dico nulla ;)!

Un romanzo di quelli che non mi aspettavo. L'apparenza inganna, e in questo caso devo ricredermi decisamente, perché l'Accademia dei Vampiri mi ha sorpreso, piacevolmente e mi ha trasportato in una nuova incredibile e imperdibile saga. Spero che anche voi decidiate di leggerlo se non l'avete ancora fatto.

Questa recensione partecipa alla Refresh Your Review nella categoria di Urban Fantasy e quindi devo usare una citazione, giusto per stuzzicare un po' la vostra curiosità ;)

«Non potevo essere la ragazza di Mason perché quando immaginavo qualcuno stringermi e sussurrarmi cosacce all'orecchio, quella persona aveva un accento russo.»



Location consigliata: Divanetto
Tè consigliato: Thè alla menta (E' fresco e mi ricorda Rose ;))
Questa recensione partecipa alla Challenge ispirata ad Hunger Games di On the Read.
DISTRETTO 10 - A questo distretto appartengono i romanzi 
Questa recensione partecipa alla Refresh your Review ed è stata arricchita da una citazione :)

2 commenti:

  1. Ciao! Anche io ho sempre evitato questa serie, per i tuoi stessi motivi...la cover non mi piace per niente e la trama non mi ispirava, non mi sembrava granché originale. Dopo questa recensione (e dopo che Alaisse mi ha letteralmente rintronata con i suoi "devi leggerlo assolutamente") credo che cederò.. Ne sento parlare benissimo e devo dire che sono proprio curiosa! U_U

    RispondiElimina
  2. Ciao! io ho ricevuto questo libro in regalo da un'amica e l'ho letto tutto d'un fiato. Sicuramente il coinvolgimento delle leggende romene mi ha aiutato a non vederlo come "la solita storia di vampiri" è molto carino e dovrei proseguire con morsi di ghiaccio che comunque è in wl. Aspetto una tua recensione nel caso tu faccia prima di me! :)

    RispondiElimina