venerdì 11 ottobre 2013

Chi ben comincia #1



Chi ben comincia è una rubrica settimanale ideata da Alessia del blog Il profumo dei libri. Lo scopo è di presentare, ad ogni appuntamento, l'incipit di un libro - già letto, in lettura o da leggere - in modo da aiutarci a capire se l'eventuale lettura potrebbe risultare piacevole o meno. 


Buonasera a tutti,
in questo periodo di assenza ho dedicato molte attenzioni agli studi e agli esami, ma ho  anche letto un libro che non pensavo di leggere ma che mi ha talmente colpito che ho voluto condividere con voi assolutamente. Ne ho sentito l'assoluta e impellente necessità e il desiderio anche di adottare questa rubrica per condividere con voi sempre qualcosa di più e la inauguro con una lettura sorprendente che ho fatto questo mese...anzi due giorni fa.
Spero che l'incipit vi spinga a leggerlo, perché la trovo una lettura assolutamente imperdibile. Il racconto di una vita narrata con semplicità ma al contempo grande profondità, è stata la prova che anche con poche parole si può trasmettere molto.

Il libro è "Seta" di Alessandro Baricco e il suo incipit recita così:





"Seta

di Alessandro Baricco



Benché suo padre avesse immaginato per lui un brillante avvenire nell'esercito, Hervé Joncour aveva finito per guadagnarsi da vivere con un mestiere insolito, cui non era estraneo, per singolare ironia, un tratto a tal punto amabile da tradire una vaga intonazione femminile.
Per vivere, Hervé Joncour comprava e vendeva bachi da seta. Era il 1861. Flaubert stava scrivendo Salammbô, l'illuminazione elettrica era ancora un'ipotesi e Abramo Lincoln, dall'altra parte dell'Oceano, stava combattendo una guerra di cui non avrebbe mai visto la fine. 
Hervé Joncour aveva 32 anni. 
Comprava e vendeva. 
Bachi da seta.


Spero veramente di avervi incuriosito e di spingervi a leggerlo con la mia recensione. Non è un libro pesante o lento al contrario vi trascinerà affascinandovi con la stella forza e bellezza del Sol Levante.

2 commenti:

  1. Seta è un libro, a mio parere, bellissimo. L'ho amato, ti capisco :)

    RispondiElimina